L’Isola di Pasqua, protagonista della nostra nota odierna, ma anche di un grande sogno di tutti i viaggiatori.

Morbi vitae purus dictum, ultrices tellus in, gravida lectus.

Moais – Isola di Pasqua

AUTORE

Chile on the go

CATEGORIA

Destinazioni

PUBBLICATO

Novembre 8, 2021

SOCIAL

chileonthego

U no scenario naturale che sembra utopico, che racchiude segreti, misteri e paesaggi unici. Con 163 km quadrati, quest’isola si trova nel mezzo dell’Oceano Pacifico. Per darvi un’idea della lontananza di questo paradiso, il volo da Santiago del Cile dura circa cinque ore e mezza e non c’è posto abitato al mondo che sia così isolato nel mare come questo luogo.

Ha un solo paesino (Hanga Roa), ha un clima subtropicale e c’è umidità tutto l’anno. Tra dicembre e marzo le temperature oscillano tra i 18 ei 25 ºC e in inverno tra i 14-22 ºC. Quest’isola polinesiana appartiene al Cile ed anche agli avventurieri più intrepidi che preparano questo meraviglioso viaggio con largo anticipo.

Località Isola di Pasqua – Google Earth

Moais – Isola di Pasqua

Hanga Roa, la capitale di Rapa Nui o Isola di Pasqua, come è popolarmente conosciuta, dispone di servizi basici per il soggiorno, lì si trova la maggioranza della popolazione dell’isola ed è quindi l’asse centrale per i viaggiatori che approdano in questa meravigliosa destinazione. Ma qual è la sua principale attrazione? Perché centinaia di persone fanno questo lungo viaggio per conoscerla?

Sebbene arrivarci rappresenti una sfida, l’Isola di Pasqua ha una ricchezza culturale e architettonica unica che giustifica senza dubbio un simile viaggio. I Moai che sono distribuiti in tutta l’isola sono un segno distintivo della cultura Rapanui e dei misteri che l’isola custodisce. Ma al di là delle loro teste giganti ci sono tanti luoghi da visitare che vi lasceranno senza parole e renderanno il vostro viaggio indimenticabile.

Raccomandazioni di uno dei suoi abitanti

Per approfondire questa meraviglia, abbiamo parlato con un portavoce della Comunità Indigena Ma’u Henua che amministra il Parco Nazionale Rapa Nui, tutela e valorizza il patrimonio archeologico, culturale e immateriale dell’Isola di Pasqua; guidata da Gabriel Armando Tuki Tuki. In un breve, ma emozionante discorso, hanno condiviso con noi i dettagli di come vivono, quali consigli avere durante la visita e alcuni dettagli di questo sito Patrimonio dell’Umanità.

Innanzitutto, espongono l’importanza della sua posizione e della ricchezza ancestrale quando si tratta di comprendere l’Isola di Pasqua: “Proprio a causa di questa posizione nel mezzo dell’oceano, è sorprendente la capacità dei nostri antenati navigatori di trovare quest’isola seguendo le stelle. Da quando sono arrivati e hanno abitato Rapa Nui hanno formato una civiltà in cui hanno creato un sistema di vita attorno alla costruzione dei moai e degli ahu associati a ciascuno dei loro villaggi di famiglia. Questo modo di vivere ha trasceso il tempo e oggi siamo eredi di una cultura unica al mondo che si mantiene da più di 1000 anni”.

Inoltre, assicurano di aver sempre imparato a vivere e convivere con le risorse naturali. Tuttavia, evidenziano che negli ultimi anni sono stati supportati dal continente per i rifornimenti necessari. “Vivere della terra, del mare, della pioggia e godere dei colori e paesaggi della nostra Rapa Nui”, il primo consiglio di questa comunità.

Anakena

Indubbiamente, uno dei momenti più speciali del discorso è stato incentrato sulla vita sull’isola, sul modo in cui la percepiscono e vogliono mostrarla al mondo: “L’isola è piccola, dove viviamo in una comunità di quasi 10.000 persone di cui il 50% appartiene all’etnia Rapa nui e gran parte dell’altra metà della popolazione è imparentata con l’etnia. Siamo come una grande famiglia, dove ci conosciamo tutti e interagiamo quotidianamente. Dove saluti a tutte le persone per strada e i veicoli si fermano in mezzo alla strada solo per salutare”, ha precisato.

“È un luogo dove la gente vibra con la musica che, insieme alle danze, rappresenta una parte fondamentale della nostra vita. È un luogo dove le parole sono ancora valide, dove bisogna rispettare gli impegni e dove la vita all’aria aperta e in armonia con la natura fa parte del nostro stile di vita. Noi Rapa Nui siamo estremamente orgogliosi della nostra storia, cultura e tradizioni “, ha concluso il portavoce della comunità indigena Ma’u Henua.

Non solo ci riempiono di motivi per scoprire l’isola, ma invitano anche gli avventurieri a conoscerla da un punto di vista unico, comprendendo il valore che ha per loro e il significato di ogni luogo. “Vogliamo che il viaggiatore viva esperienze e apprezzi i nostri paesaggi e conosca la nostra cultura. Un turista più passivo che si goda il soggiorno, che comprenda con calma e rispetto la nostra storia ancestrale, contemporanea e attuale”, ha dichiarato.

Hanno anche sottolineato l’importanza di informarsi sulle condizioni legali e le restrizioni che esistono per visitare Rapa Nui “come la Legge sulla Residenza e la Legge sui Monumenti Nazionali”. Un’altra raccomandazione importante è stata quella di contrattare una guida locale e prenotare la tua visita in ciascun sito. “Venire con calma per godersi i paesaggi, la natura, ciascuna delle esperienze che vivi. Imparare la nostra storia e vivere la nostra cultura, rispettando ogni luogo, le sue normative e, ovviamente, i protocolli sanitari”, ha sottolineato.

HakaPei

Che visitare sull’Isola di Pasqua?

La cultura di Rapa Nui è millenaria, una civiltà che si è formata dopo aver vissuto in modo inospitale in mezzo all’oceano, con abitanti che provenivano dall’est e si stabilirono su questa lontana isola. Gli usi e costumi polinesiani li hanno adattati alla nuova dimora, rafforzandoli e rendendoli più resistenti e rudi rispetto alle altre isole polinesiane.

Senza tecnologia, ma con grande intelligenza hanno costruito un sistema di vita organizzato che per molti anni ha ruotato attorno alla costruzione delle decine di ahu e centinaia di moai che oggi sono disposti intorno all’intera isola e che sono vestigia di una civiltà ammirevole unica nel mondo solo rispetto ad altre civiltà come quella Maya e quella Egiziana, sei pronto per questa avventura?

Moai

Moais: Indubbiamente, l’attrazione principale dell’isola sono i suoi imponenti Moai, ce ne sono quasi 900 registrati in tutto il territorio, ma la loro concentrazione è focalizzata su alcuni luoghi specifici come Ahu Tongariki, da dove si può anche godere di alcune delle migliori albe dell’isola. Ad Ahu Akivi ci sono gli unici moai che si affacciano sul mare e Ahu Tahai il più vicino alla capitale e da cui si può assistere ad un bellissimo tramonto.

Moais

Cratere del vulcano Rano Raraku: La cava da cui uscivano le figure che proteggevano le comunità, nel luogo se ne possono vedere molte che non sono arrivate a destinazione o sono state abbandonate in diverse fasi della loro costruzione.

Cratere del vulcano Rano Raraku:

Villaggio ceremoniale Orongo:Qui soggiornarono i partecipanti al culto dell’uomo uccello (Tangata Manu), si trova a sud della città dove si eleggeva il capo dell’isola.

Orongo

Spiagge:Non è il motivo principale del viaggio, ma se ti trovi in mezzo all’oceano, come non goderti queste maestose spiagge? La più visitata è Anakena, dove secondo la tradizione locale è stata il punto di arrivo dei primi abitanti. Altre da aggiungere alla lista sono Ahu Nau Nau e Ovahe.

Spiagge Anakena

Per i più avventurieri:I viaggiatori potranno scoprire il luogo facendo trekking, con gite in barca o a cavallo, ed anche fare immersioni in alcune zone stabilite. Senza dubbio, un’attrazione di lusso per visitare questa meraviglia naturale.

Trekking Isola di Pasqua

Curiosità

  • Estensione dell’Isola di Pasqua: 163 km2.
  • Abitanti: 5035 (censimento del 2011)
  • Lingua ufficiale: Rapanui
  • Persone: pascuenses
  • Capitale: Hanga Roa
  • Moai: la maggior parte può pesare circa cinque tonnellate. Tra le 30 e le 40 statue pesano più di dieci tonnellate. Il nome completo di queste statue nella
  • lingua locale è Moai Aringa Ora che significa: “volto vivente degli antenati”
  • Riconoscimento: L’Unesco ha dichiarato l’isola Patrimonio dell’Umanità nel 1995.
  • Politica: Dal 1888, l’Isola di Pasqua fa parte della regione di Valparaíso, in Cile.

Moais

Posso visitare l’intera isola?

Come una casa, l’isola ha spazi dedicati alle visite e altri destinati solo ai residenti, in questo modo all’interno del Parco Nazionale Rapa Nui sono presenti aree di visita e aree di uso tradizionale. Le zone di visita sono 25, di cui 16 abilitate ai visitatori e le restanti saranno abilitate più avanti con il tempo.

Le aree di uso tradizionale, come indica il loro nome, sono aree di utilizzo delle famiglie Rapa nui e se un turista vuole andarci, può farlo solo in compagnia di un locale, perché il nostro stile di vita dà valore ad ogni luogo. In altre parole, queste aree sono come il patio di casa nostra, zone ricreative, dove le famiglie si riuniscono e vivono in contatto con la natura.